Beeswax wrap: cos’è e a cosa serve? Guida pratica.

beeswax wrap o panni cerati

Se l’ape scomparisse dalla faccia della terra, all’uomo non resterebbero che quattro anni di vita.

Albert Einstein

La frase attribuita a Einstein contiene un avvertimento da non sottovalutare. Senza il lavoro delle api le coltivazioni agrarie non avrebbero modo di perpetuarsi e la nostra stessa sopravvivenza sarebbe in pericolo, visto che buona parte del cibo che consumiamo dipende, direttamente o indirettamente, dall’opera di impollinazione

Purtroppo, anche se molte persone sono sempre più sensibili ed educate sull’argomento, restano ancora troppo poche: il problema dell’inquinamento e sfruttamento ambientale resta un tema a lungo dibattuto ma allo stesso tempo trascurato dalla maggior parte delle persone.

Comunque sia, non dobbiamo lasciarci abbattere o essere disfattisti.. nel nostro piccolo possiamo fare tanto!

Tutti i prodotti da me realizzati e utilizzati (di cui via via parlo) sono sempre a bassissimo impatto ambientale, da colture non intensive, biologici, riciclabili e dal commercio equo e solidale (nel caso dei prodotti importati).

L’importante è essere consapevoli il più possibile delle nostre piccole scelte quotidiane.

Per questi motivi anche un semplice panno cerato o beeswax wrap può aiutarci in questa missione di sostegno al nostro pianeta.

Beeswax wrap: pellicola alimentare in cera d’api. Cos’è ?

Oggi voglio presentarvi questo utilissimo prodotto che non tutti conoscono: il beeswax wrap o panno cerato.

Oltre ad avere mille utilità, ad essere bello, aiuta a ridurre moltissimo l’uso eccessivo della pellicola e stagnola da cucina.

Inoltre non rilascia alcuna sostanza nociva per la nostra salute, al contrario della plastica.

La pellicola in cera d’api è un tessuto di cotone, impregnato in cera d’api (nel mio caso biologica)

Per chi invece preferisse, preparo anche questi wrap anche nella versione vegana con la cera di soia 100% naturale.

Oltre ad essere riutilizzabili, una volta finiti saranno anche compostabili.

Come si usa questa pellicola?

Si usa come la pellicola da cucina per riporre il cibo in frigorifero, per coprire una ciotolina prima di servire in tavola o per portarsi in borsa qualcosa da mangiare.

Questo panno andrà un pochino scaldato con Il calore delle mani in modo da sciogliere leggermente la cera e farla aderire perfettamente ad un barattolo o a se stessa.

In Estate, se molto caldo, diventa meno pratica per l’uso fuori dal frigo, anche se comunque non arriva a sciogliersi.

Solo nei mesi più caldi sarà dunque consigliabile il trasporto del cibo in questi panni all’interno di borsa frigo.. per il resto dell’anno invece nn ci sarà alcun problema!

Altra cosa a cui fare attenzione è che non possono essere usati per conservare carne o cibi troppo acidi, come d’altronde non sarebbero da utilizzare nemmeno la classica stagnola o pellicola da cucina, anche se non tutti lo sanno.

Per quanto riguarda i cibi grassi attenzione che potrebbero creare difficoltà nel lavaggio del panno.

La cera d’api, tra le mille virtù, è antibatterico per natura per questo ideale per la conservazione del cibo.

Questi panni cerati sono da lavare con acqua fredda e un sapone neutro senza grattare troppo la superficie, altrimenti si sciuperà.

Si rivela ideale per conservare pane, frutta e verdura, poiché il tessuto trattato con la cera d’api protegge gli alimenti dagli sbalzi di temperatura ed è traspirante. 

Inoltre i beeswax wrap sono utili per avvolgere formaggi e altri alimenti da frigo, trasportare snack e sandwich, coprire ciotole e piatti contenenti avanzi o alimenti liquidi.

Quanto si può utilizzare un wrap?

In 6 mesi / 1 anno d’uso la cera finirà la sua aderenza e andrà o rincerato il panno, prodotti di nuovi o ricomprati..

Nel loro utilizzo ci sarà anche risparmio di soldi al supermercato oltre che di plastica inutile.

Dove si possono acquistare?

Si trova in vendita ormai in qualunque negozio di prodotti bio, su molti siti online, Amazon o presso il mio laboratorio. 

Autoprodurla è più facile a dirsi che a farsi purtroppo, sia per i costi elevati sia per la qualità ottenuta.

Servirà diverso esercizio per trovare la giusta consistenza e arrivare ad ottenere un risultato ottimale come quello che si trova in vendita.

Una delle fasi della preparazione del panno cerato

Comunque sia è molto divertente quindi consiglio a tutti gli appassionati dell’handmade di provare

Quali sono gli ingredienti usati per creare la pellicola in cera d’api?

La cera d’api e la stoffa di cotone sono la base, ma serve l’aggiunta di resina naturale vegetale adatta al contatto con gli alimenti e oli (es cocco, jojoba, burro karitè..).

Potete realizzare questo tessuto anche con la sola cera, però otterrete un risultato poco duraturo e di poca aderenza, e sopratutto correte il rischio che la cera si stacchi dal cotone.

La cera d’api sarebbe meglio acquistarla direttamente da un apicoltore, ma se non vi fosse possibile, esistono ottime cere biologiche e sostenibili in vendita anche online.

Mi raccomando, per la lunga durata del tessuto, attenzione a non sottoporlo mai a fonti di calore, come ad esempio: acqua calda, recipienti con cibi fumanti, pentole calde, lavastoviglie, lavatrice, saponi aggressivi, ecc..

Se avete qualche altra curiosità riguardo questi beeswax wrap o volete abbinarli alle mie ceramiche non esitare a contattarmi!

Lascia un commento