Palline di argilla e semi per un pianeta più verde (gioco fai da te)

Questo gioco, che permette di rendere più verde e sostenibile il nostro pianeta, in realtà è un vero e proprio movimento rivoluzionario in favore della natura iniziato moltissimi anni fa

“I contadini dappertutto nel mondo sono fondamentalmente gli stessi. Lasciateci dire che la chiave per la pace si trova vicino alla terra.“ —  Masanobu Fukuoka, libro La rivoluzione del filo di paglia

Introduzione alle seedbomb 

Le bombe di semi sono vera e propria tecnica di agricoltura naturale perfezionata dal maestro giapponese Fukuoka.

Questa tecnica asseconda la natura senza bisogno di molta manodopera visto che la natura possiede già tutti gli strumenti di cui c’è bisogno.

L’ argilla è un materiale che assorbe e conserva l’umidità e che non forma muffe. Inoltre questo strato di argilla fornirà al seme una riserva di acqua disponibile e una protezione dal freddo e dai predatori naturali, dunque è ottimo mezzo per far germogliare i semi in tutta sicurezza. 

Questo metodo Fukuoka permette di ottenere risultati veloci ma alcuni si possono vedere anche dopo qualche anno! 

La storia in sintesi: 

L’idea di queste seedsbomb esiste da sempre ma fu ripresa dal giapponese Masanobu Fukuoka, il quale diffuse questa idea come strumento della sua “agricoltura del non fare”. Fukuoka utilizzava palline di semi e d’argilla per la semina, come alternativa ai pesticidi. Nel suo libro (1985) viene spiegato molto bene.

L’idea era quella di far sopravvivere i semi all’inverno senza ricoprirli della resina sintetica che contiene pesticidi e fungicidi (come fanno la maggior parte degli agricoltori), ma rinchiudendoli in palline di argilla. Le palline venivano lanciate in autunno e l’argilla le protteggeva fino alla primavera, momento in cui la natura si risveglia.

“ The natural way of farming”

Da questa tecnica nata negli anni ‘50 si è giunti al distributore automatico GreenAidd, dei giovani designer Daniel Philips e Kim Karlsrud, mentre in Italia l’iniziativa è stata lanciata dall’associazione sarda Marrai a Fura.

In origine le bombe di semi venivano esclusivamente utilizzate dal movimento dei guerrilla gardening cioè persone che non l’intento di migliorare il degrado urbano e migliorare spazi abbandonati, usavano queste palline per piantare fiori in zone dove non avrebbero potuto farlo.

Oggi è una pratica piuttosto diffusa praticata

Le bombe di argilla sono un prodotto 100% EcoFriendly e possono anche essere divertenti idee regalo anche per bambini e adulti.

Online si trovano diversi siti che le vendono già pronte ma secondo me è un gioco divertente da fare in famiglia, quindi perché non provare?!

Andiamo a vedere come utilizzare l’argilla per rendere il nostro pianeta più verde

Quali materiali servono?

  1. argilla secca (da acquistare o da recuperare da un terreno particolarmente argilloso facendolo essiccare al sole e togliendo eventuali sassi ) 5 cucchiai
  2. terriccio ricco 1 cucchiaio
  3. semi di facile attecchimento e infestanti come iperico, menta, erba cipollina e calendula.. 1 cucchiaio 
  4. acqua qb

Ricetta

  • Mescolate bene in una ciotola, l’argilla ed i semi e il terriccio 
  • Aggiungete l’acqua in piccole quantità finché non raggiungete una consistenza tale da poter fare delle polpette compatte.
  • Impastarlo per bene in modo da togliere tutte le eventuali bolle d’aria 
  • Dividete l’impasto in modo da formare diverse palline compatte con le mani o con l utilizzo si stampini in silicone del ghiaccio. Dimensione di una noce. Eventualmente potete realizzare anche dei dischetti di 4-5 cm e alti 2 cm (per terreni più scoscesi)
  • Fare essiccare alcune ora così diventeranno più robuste. 
  • Pronte al lancio
  • Se non è il periodo dell’anno adatto al lancio, fate asciugare le bombe di semi per circa 2-3 giorni all’aria aperta (meglio riporlo la notte all asciutto in casa) e poi mettetele in un contenitore con uno strofinaccio asciutto: quando deciderete di usarle basterà inumidirle con leggermente con uno spruzzino d’acqua.
  • Scegliere i semi adatti alla stagione in modo da facilitarne la germinazione
La germinazione di una seedsbomb

Si possono utilizzare anche i fogli di giornale invece dell argilla, e sono da amalgamare sempre con terriccio, semi e acqua. I fogli di giornale vanno stracciati e ammollati per diverse ore e in fine ben strizzati prima di procedere. 

Queste bombe di carta e semi possono essere realizzate anche colorate utilizzando però colori naturali. Per dare la forma anche in questo caso si possono usare stampini per biscottini o ghiaccio e andranno comunque fatte essiccare alcune ore al sole o in essiccatore

Come si utilizzano le bombe di semi?

Una volta create si gettano come bombe in zone soleggiate o dove già è presente della terra. Quindi sia in zone già verdi ma anche abbandonate e grigie. Le palline andranno create con alcune accortezze a seconda della zona dove le vorremo far attecchire.

Le diverse forme servono perché le palline possono rotolare, i dischetti invece si fermano dove cadono. I dischetti assorbono più pioggia delle palline. Se ci sono terreni molto scoscesi allora servono palline più appiccicose, perché anche i dischetti cadrebbero in basso, in modo che lanciandole si fermino sulle pareti

In questo caso si realizza un impasto più morbido e appiccicoso, utilizzando più acqua e senza formare le palline.

Una volta scelto il periodo per la vostra semina, anche se la stagione consigliata sarebbe ottobre e Novembre, si dividono palline e dischetti in tre gruppi e si effettuano tre semine a distanza di 15 giorni una dall’altra. Comunque anche in primavera si possono ottenere risultati di soddisfazione.

l’importante è la scelta dei semi

Scegliere i semi adatti

E’ meglio usare sementi biologiche e autoprodotte, ma in assenza vanno bene anche acquistate.

E’ molto importante che la miscela di semi sia ricca di varietà con caratteristiche e necessità diverse, maggiore sarà il numero di varietà presenti, maggiori le probabilità di vedere sbocciare la vostra bomba di semi.

Bisogna valutare anche la dimensione dei semi: Quasi tutti devono essere piccoli o di medie dimensioni, i semi grandi solo in percentuale bassissima.

Le leguminose (quelle a seme piccolo) e piante da sovescio dovrebbero essere presenti in maggior numero perché sono piante che creano humus per le altre piante)

I legumi vanno lasciati in ammollo per alcune ore perché assorbono molta acqua e una volta all’interno della pallina di argilla potrebbero aumentare volume e romperla

Esempi di composizioni di semi:

Per attirare le farfalle: fiordaliso, lavanda, ginestrino, la achillea, maggiorana, malva, verbena, zinnia 

Per le api: fiordaliso, il trifoglio, malva, la borragine, erba medica, girasole, la margherita comune

Video originale con il maestro Fukuoka

Lascia un commento